Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Anticipo agevolato Buonuscita tasso dallo 0,40 ad oltre il 3 percento

Anticipo agevolato Buonuscita tasso dallo 0,40 ad oltre il 3 percento

Le motivazioni di tale aumento, legate all'andamento del cosiddetto rendistato

L’anticipo agevolato allo 0,40% della Buonuscita (TFS/TFR), scaduto in data 30.06.2022 era di nuovo attivo dal 23.09.2022 ed, in seguito, il tasso agevolato era passato dallo 0,40% a quasi il 2%.

Purtroppo dobbiamo far presente che la situazione del tasso agevolato è evoluta ulteriormente in senso negativo.

Alcuni pensionati, ottenuta dall'INPS la quantificazione della buonuscita (TFS/TFR) si sono recati alla banca "cessionaria" per sottoscrivere il relativo contratto di cessione allo 0,40%, ma hanno avuto una brutta sorpresa.

La banca cessionaria ha comunicato che per effetto dell'aumento del "rendistato" e aggiunto il 0,40% (che è il guadagno della banca per effettuare l'operazione) il tasso d'interesse da applicare all'anticipo TFS/TFR è passato al  3,02% e tende ad aumentare ancora per effetto dell’aggiornamento degli interessi nei titoli di Stato.

Vi invitiamo a contattare le nostre Segreterie provinciali, reperibili al link https://www.snals.it/struttura-territoriale.snals, per conoscere le motivazioni di tale aumento, legate all'andamento del cosiddetto "rendistato" e, con appositi calcoli, conoscere la simulazione di quanto la banca ora trattiene per l'anticipo agevolato del TFS/TFR fino a 45.000 €.

Scadenze di: gennaio 2023