Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

Home > 19-05-2017 N. 22165 - Nota MIUR

19-05-2017 N. 22165 - Nota MIUR

Indicazioni per la mobilità professionale verso le discipline specifiche dei licei musicali

MIUR.AOODGPER.REGISTRO UFFICIALE(U).0022165.19-05-2017

 

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Direzione generale per il personale scolastico - Ufficio IV

Personale docente ed educativo

 

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

e p.c. Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di Istruzione e formazione

SEDE

 

 

OGGETTO: Indicazioni per la mobilità professionale verso le discipline specifiche dei licei musicali

 

Come noto il CCNI relativo alla mobilità del personale della scuola sottoscritto l’11 aprile u.s. ha previsto una specifica procedura per il passaggio nei ruoli delle nuove classi di concorso relative alle discipline specifiche dei licei musicali. Tale procedura riguarda i docenti utilizzati in questi anni in questi licei provenienti dalle classi di concorso di educazione musicale o dalla classe di concorso di strumento nella scuola secondaria di primo grado.

Operazione propedeutica a tali passaggi è la determinazione dell’organico di diritto delle discipline specifiche dei licei musicali, relativamente ai posti interi delle classi di concorso A-53 (storia della musica), A-63 (tecnologie musicali), A-64 (teoria analisi e composizione) e A-55 (strumento musicale, suddivisa per gli specifici strumenti). Tale operazione dovrà avvenire secondo quanto previsto dalla nota 21315 di questa Direzione contenente le indicazioni generali per la formazione dell’organico dell’autonomia e attraverso l’apposita funzione disponibile nel portale SIDI del sito del MIUR.

Dopo la chiusura della fase di acquisizione dei dati da parte delle scuole, prevista per il 20 maggio p.v., gli Uffici territorialmente competenti avranno cura di verificare i dati inseriti e di realizzare gli interventi correttivi necessari per il rispetto delle indicazioni fornite dalla nota. In tal senso si ricordano in particolare l’inserimento degli ulteriori laboratori di musica di insieme da associare alle singole classi con le relative ore di strumento e l’aggiunta degli eventuali posti di potenziamento della classe A-55, nonché, tramite acquisizione puntuale sul liceo musicale, anche le ore di storia della musica delle sezioni coreutiche, tali inserimenti dovranno avvenire con riferimento alle comunicazioni formalizzate dalle singole istituzioni scolastiche. Si precisa a riguardo che il limite dei 27 alunni previsto dalla nota in parola, considerando che la determinazione dell’organico avviene per la prima volta dopo il periodo transitorio, può essere considerato come media tra i cinque anni. Relativamente alle ore di esecuzione e interpretazione si raccomanda di garantire per ciascun alunno il rispetto delle ore di insegnamento di tutte le discipline previsto dal quadro orario ordinamentale.

Nella fase di determinazione dell’organico da parte degli Uffici territoriali è necessario garantire la formazione del maggior numero possibile di posti interi, anche utilizzando i posti di potenziamento delle classi di concorso specifiche, ovviamente nella considerazione complessiva delle disponibilità dell’organico e, relativamente ai posti di potenziamento, utilizzando soltanto posti vacanti e disponibili di altre classi di concorso, preferibilmente della medesima istituzione scolastica. Si ricorda che anche per i licei musicali non è possibile costituire cattedre a orario esterno al di fuori dell’ambito territoriale di riferimento, fermo restando la possibilità di costituire cattedre secondo quanto previsto dalla nota citata. Va altresì considerato che gli spezzoni orari sviluppati dal sistema contribuiranno a determinare la dotazione organica dell’adeguamento.

Le funzioni di organico saranno operative per gli Uffici territoriali sino a venerdì 26 maggio chiusura funzioni, successivamente sarà cura di questa Direzione confermare il contingente individuato per le mobilità professionali.

Non appena definito il contingente disponibile sarà necessario procedere con la massima tempestività ad individuare il personale destinatario del passaggio utilizzando le graduatorie previste dal vigente C.C.N.I. sulla mobilità che nel frattempo gli uffici territoriali avranno cura di definire. A tale proposito si ricorda che per ciascuna classe di concorso di ciascun liceo musicale vanno graduati innanzitutto i docenti attualmente in utilizzo in ordine di anni di servizio effettivo su quell’insegnamento e su quel liceo. La valutazione degli altri titoli avviane solo a parità di anni di effettivo servizio nell’effettivo insegnamento. Si precisa che ai fini dell’eventuale completamento delle cattedre di strumento musicale mediante l’associazione tra le ore di esecuzione e interpretazione e quelle di laboratorio di musica di insieme, laddove si presenti una situazione di spezzoni paritetici andrà privilegiato lo strumento che consenta la mobilità del docente con la maggiore anzianità di servizio in quel liceo. Si richiamano inoltre le disposizioni di cui all’art 14 dell’O.M. 221/17 circa l’ordine di trattazione delle domande del personale utilizzato su più di un liceo.

Solo una volta accertato che non vi siano docenti attualmente in utilizzo destinatari di passaggio e che residuino posti disponibili per la mobilità si potranno prendere in considerazione le domande ai sensi del comma 10 dell’art. 4 del CCNI scorrendo anche in questo caso una graduatoria per ciascuna disciplina e per ciascun liceo. A tal fine si rammenta che, in presenza di più di un liceo nella stessa provincia, l’ accantonamento dei posti destinati alle immissioni in ruolo dovrà essere disposta dagli Uffici territoriali con riferimento alle graduatorie previste dall’art 4 comma 9 del C.C.N.I. ai fini di garantire la corrispondente mobilità professionale al docente con la maggiore anzianità di servizio.

Non appena individuati i docenti destinatari del passaggio ai sensi del comma 9 dell’art. 4 e comunque non oltre il 7 giugno p.v. i nominativi dei medesimi andranno comunicati al SIDI tramite un’apposita funzione che verrà a breve messa a disposizione. Nel caso venissero successivamente individuati altri docenti destinatari di passaggio ai sensi del comma 10 dell’art 4, i nominativi andranno parimenti comunicati al SIDI tramite la funzione di cui sopra entro il 10 giugno p.v. anche per poter verificare eventuali duplicazioni ed eventualmente scorrere nuovamente la graduatoria comunicando l’eventuale nuova individuazione entro il 12 giugno p.v. Si ricorda l’importanza di tali adempimenti ai fini del corretto calcolo delle disponibilità per i movimenti della scuola secondaria di primo grado. A tal fine i risultati dei passaggi in esame saranno definitivamente riportato nel SIDI entro il 14 giugno e pertanto, prima dell’inizio delle operazioni di mobilità del I grado, gli uffici territoriali potranno interrogare le anagrafi del Sistema Informativo e verificare il corretto inserimento dei risultati di tali passaggi.

E’ appena il caso di ricordare che tutte le operazioni in parola riguardano soltanto il personale già immesso in ruolo che risulti tale a pieno titolo entro la conclusione del presente anno scolastico, sugli spezzoni residui proseguiranno le utilizzazioni del personale già in servizio che non ha potuto accedere alla mobilità professionale secondo le modalità definite in sede di contrattazione della mobilità annuale.

 

IL DIRETTORE GENERALE

- Maria Maddalena Novelli -

 

Allegati PDF
Visualizza PDF
<>