Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Linee di piattaforma contrattuale SNALS-Confsal per l'Area V Dirigenza Scolastica

Linee di piattaforma contrattuale SNALS-Confsal per l'Area V Dirigenza Scolastica

Quadriennio normativo 2006/2009 Biennio Economico 2006/2007

AREA V DIRIGENZA SCOLASTICA

Area V Dirigenza Scolastica

 

Linee di piattaforma contrattuale SNALS-Confsal

Quadriennio normativo 2006/2009

Biennio Economico 2006/2007

 

 

Premessa

Il rinnovo del CCNL dell’Area V, quadriennio normativo 2006/2009 e biennio economico 2006/2007, cade in un momento particolare per la dirigenza scolastica.

Si avviano infatti a conclusione le procedure concorsuali per il reclutamento di oltre 3.800 neo dirigenti, che apporteranno al ruolo aspettative, affatto nuove, sul piano economico e normativo.

E’ opportuno segnalare, in particolare, che per la prima volta accederanno al ruolo dirigenziale nuove figure provenienti direttamente dalla docenza, considerato che le ultime immissioni in ruolo, dopo l’introduzione della dirigenza scolastica, sono state rappresentate dai presidi incaricati vincitori del concorso bandito nel 2002.

Il sindacato è chiamato ad interrogarsi, in modo coerente e aperto, rispetto ad un contesto di prestazioni professionali che troveranno nelle nuove forze risorse culturali e strumentali che necessiteranno di un’adeguata valorizzazione.

E’ anche tenendo presenti questi elementi che lo SNALS-CONFSAL intende partecipare al tavolo negoziale all’ARAN senza farsi imprigionare da schematismi che rischiano di esprimere ancoraggi, anche di tipo legislativo, non adeguati ad assicurare la piena valorizzazione delle specificità dirigenziali scolastiche, che hanno sempre rappresentato per il nostro sindacato un riferimento irrinunciabile.

Il X Congresso Nazionale, che si è tenuto il 7 – 8 e 9 maggio 2007 a Roma, ha tenuto presenti anche queste tensioni ideali nell’approvare all’unanimità il documento sulla dirigenza scolastica che ispira le linee della piattaforma che segue.

 

 

Parte Economica

Le richieste che lo SNALS-CONFSAL avanzerà nella corrente tornata contrattuale sono le seguenti:

1.     per quanto riguarda l’utilizzazione del 5,1%, previsto dalle finanziarie 2006 e 2007 relativo al recupero dell’inflazione e stanziato per tutti i pubblici dipendenti, lo SNALS-CONFSAL chiederà al tavolo negoziale che esso venga attribuito prevalentemente alle voci fisse dello stipendio per incrementare la parte tabellare e la parte fissa della retribuzione di posizione, in linea con quanto chiesto e ottenuto nei precedenti due bienni economici 2002/03 e 2004/05;

2.     lo stanziamento di idonee risorse aggiuntive per conseguire, nella vigenza contrattuale 2006/2009, la perequazione con la retribuzione di posizione della dirigenza dell’Area I. Il sindacato considera irrinunciabile questo obiettivo che viene rinviato per la sua attuazione ormai da cinque anni, pur in presenza di impegni sottoscritti da diversi Governi;

3.     lo Snals-Confsal porrà al tavolo negoziale anche la questione della retribuzione dei neo-dirigenti provenienti, per concorso, dalla docenza, in considerazione che l’inquadramento economico nella carriera dirigenziale comporterà una retribuzione complessiva, priva della RIA dei dirigenti in servizio, che non si discosterà di molto da quella dell’ultima retribuzione percepita come docenti.

         Considerato che la carriera dirigenziale è, esclusivamente, sbocco professionale di quella docente, lo Snals-Confsal proporrà l’individuazione di un valore economico da attribuire all’anzianità nella carriera di provenienza da trasformare in una indennità permanente, con effetti sulla pensione e sulla buonuscita, da attribuire nell’inquadramento economico in aggiunta alle attuali voci previste dal CCNL (fondamentale, retribuzione di posizione parte fissa e variabile, retribuzione di risultato);

4.     analoga proposta verrà formulata per i neo dirigenti provenienti dagli incarichi di presidenza apportando i necessari correttivi all’attuale assegno ad personam, pensionabile e riassorbibile;

5      per quanto riguarda il trattamento pensionistico di tutti i dirigenti scolastici esigerà che le Amministrazioni pubbliche, ciascuna per quanto di competenza (MPI e INPDAP), diano compiuta ed omogenea attuazione su tutto il territorio nazionale delle disposizioni contrattuali relative al trattamento della retribuzione ai fini pensionistici.

 

 

Parte normativa

Lo Snals-Confsal pone quale obiettivo irrinunciabile della propria piattaforma rivendicativa quello di valorizzare la specificità della dirigenza scolastica anche in riferimento all’attuazione della riforma del Titolo V della Costituzione, che sarà oggetto di confronto in sede di conferenza unificata Stato-Regioni-Autonomie locali. In particolare lo Snals-Confsal intende valutare tutte le possibili ricadute che l’eventuale attuazione del Master Plan, approvato in sede di Conferenza Regioni e Autonomie locali, il 14 dicembre 2006, potrà avere sulla funzione dirigenziale scolastica in riferimento a competenze e responsabilità ad essa spettanti per legge.

Nello specifico delle rivendicazioni lo Snals-Confsal propone, in sede di piattaforma:

1.     il rafforzamento di tutti gli istituti di tutela introdotti dal precedente contratto (valutazione, conferimento e mutamento degli incarichi, commissione di garanzia, pari opportunità, mobbing, disciplina degli incarichi aggiuntivi), con la previsione della loro puntuale applicazione;

2.     l’inserimento nella declaratoria contrattuale di precise garanzie affinché tutti gli istituti trovino reali e coerenti strumenti di attuazione nello spirito e nella lettera dell’accordo, con particolare riferimento a quelli relativi alla valutazione e al conferimento e mutamento degli incarichi;

3.     per quanto riguarda la valutazione il sindacato chiederà in sede negoziale di esplicitare la nuova norma derivante dall’approvazione del comma 608 della Legge Finanziaria per il 2007, che attribuisce all’INVALSI specifiche competenze in materia di valutazione della dirigenza scolastica;

4.     per gli istituti relativi alla valutazione, al conferimento e mutamento degli incarichi, agli incarichi aggiuntivi, lo Snals-Confsal proporrà l’istituzione, a livello regionale, di organismi bilaterali formati da rappresentanti dell’Amministrazione e rappresentanti delle OO.SS. firmatarie, per un monitoraggio delle loro modalità di attuazione;

5.     previsione di una norma di garanzia che preveda la riapertura del confronto, in qualsiasi momento, nel corso della vigenza contrattuale 2006/2009, per la regolamentazione negoziale di eventuali modifiche della prestazione professionale del dirigente scolastico in relazione all’attuazione di leggi di riforma. In particolare ci riferiamo, in questo momento, all’esito del confronto che si avvierà tra Stato e Regioni per l’attuazione del Titolo V della Costituzione e per l’eventuale riforma degli organi collegiali della scuola che il Parlamento potrebbe approvare.

 

 

Reclutamento

Lo Snals-Confsal proporrà che nella nuova declaratoria contrattuale si espliciti che, terminata l’attuale fase di reclutamento, si realizzi una effettiva applicazione di quanto previsto dal comma 618 della Legge Finanziaria per il 2007 sui requisiti di partecipazione, sulla procedura concorsuale, sui criteri di valutazione delle prove e dei titoli con la finalità di consentire a tutti i docenti di poter aspirare concretamente, se meritevoli, alla carriera dirigenziale.

 

 

Formazione

Per quanto riguarda la formazione in servizio, lo Snals-Confsal chiederà all’Amministrazione scolastica un impegno straordinario per realizzare iniziative di aggiornamento finalizzate ad affinare ed accrescere le competenze relative alla gestione didattica, finanziaria ed organizzativa delle istituzioni autonome, prevedendo anche opportunità, documentate, di autoaggiornamento in Italia e nei paesi dell’Unione Europea.

Lo SNALS-CONFSAL chiederà che particolare attenzione sia posta dall’Amministrazione per la formazione d’accesso dei neo dirigenti provenienti dalla docenza, per dotarli di adeguati strumenti normativi e operativi finalizzati anche alla conoscenza degli adempimenti normativi di competenza e all’attuazione delle relazioni sindacali nelle istituzioni scolastiche cui saranno preposti.

 

 

DIRIGENTI SCOLASTICI IN SERVIZIO ALL’ESTERO

 

Lo SNALS-Confsal per i dirigenti scolastici in servizio all’estero, nel contesto dell’obiettivo della valorizzazione professionale specifica dell’area V, porrà al tavolo negoziale i seguenti obiettivi specifici.

 

Parte normativa

1)         Rinvio sine die dell’attuazione dell’iscrizione all’AIRE dei Dirigenti scolastici;

2)         riconoscimento dell’accreditamento diplomatico ai Dirigenti scolastici con l’obiettivo sia di svolgere la funzione dirigenziale all’estero con maggiore autorevolezza, sia per una migliore tutela dei propri diritti ed interessi;

3)         riconoscimento di competenze esclusive dei Dirigenti scolastici nell’ambito dell’attuazione dell’autonomia scolastica in applicazione della normativa vigente;

4)         possibilità di chiedere il mutamento di incarico da estero a estero, dopo i primi due anni di permanenza nella prima sede.

 

 

Reclutamento

Ridefinizione delle procedure di selezione con previsione della pubblicità degli esiti.

 

 

Parte economica

Per quanto riguarda la parte economica lo SNALS-Confsal ritiene indispensabile che la norma contrattuale relativa a tutte le voci retributive sia definita con estrema chiarezza anche in riferimento agli effetti sul trattamento di pensione e alla buonuscita.