Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Mobilità, una partita che si può e si deve chiudere nell'interesse della scuola - Comunicato congiunto

Mobilità, una partita che si può e si deve chiudere nell'interesse della scuola - Comunicato congiunto

11 apr. 17 - Prevista per oggi pomeriggio, alle h.17,00, al MIUR, la definitiva sottoscrizione del CCNI per la mobilità del personale della scuola a.s. 2017/2018

Le OO.SS. SNALS-Confsal, FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola, prima di andare all'incontro al MIUR per la definitiva sottoscrizione del CCNI della mobilità, previsto per oggi pomeriggio alle h.17,00, hanno emesso il seguente comunicato congiunto:

 

 

Mobilità, una partita che si può e si deve chiudere

nell’interesse della scuola

 

Il contratto integrativo sulla mobilità del personale scolastico, per la cui firma definitiva è giunta per oggi la convocazione, è frutto di una trattativa che ha avuto come punto essenziale di riferimento l’accordo di Palazzo Vidoni sulla contrattazione nel settore pubblico. Le regole che presiederanno ai movimenti, condivise al tavolo contrattuale, potranno avere riflessi positivi sulla gestione delle operazioni, sulle tutele del personale e sul regolare avvio del nuovo anno scolastico, evitando che si ripropongano le numerose criticità dello scorso anno.

Ora è indispensabile chiudere positivamente anche l’accordo sulle modalità di assegnazione alle scuole dei docenti titolari di ambito, obiettivo certamente alla portata se ci si muoverà su una linea di coerenza con i criteri e le indicazioni contenuti nell’intesa politica che ha sbloccato, il 29 dicembre scorso, la trattativa sulla mobilità.

Chiudere bene questa partita, valorizzando le relazioni sindacali come fattore importante per un buon governo del sistema, sarebbe di grande importanza non solo per il personale ma per l’intero mondo della scuola.

 

Roma, 11 aprile 2017

 

 

Flc  CGIL

CISL  Scuola

UIL  Scuola

SNALS  Confsal

Francesco Sinopoli

Maddalena Gissi

Giuseppe Turi

Marco Paolo Nigi