Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Richiesta incontro urgente su problematiche dell'area ATA - Nota unitaria

Richiesta incontro urgente su problematiche dell'area ATA - Nota unitaria

Le scriventi Organizzazioni Sindacali chiedono un incontro urgente per l'avvio di un confronto su alcuni interventi, peraltro già pubblicamente annunciati dallo stesso Ministero e di assoluta necessità, su diverse problematiche riguardanti il personale ATA poste più volte all'attenzione dell'Amministrazione dalle scriventi organizzazioni sindacali.

Roma, 15 novembre 2016

Prot. n. 628-UNIT/2016

Prof.ssa Stefania Giannini

Ministro dell’Istruzione, Univ. e Ricerca

segreteria.particolare.ministro@istruzione.it segr.tecnicaministro@istruzione.it

Dott. Alessandro Fusacchia

Capo di Gabinetto MIUR

segreteria.cdg@istruzione.it

                                                          

Oggetto: Richiesta incontro urgente su problematiche dell’area ATA

 

Le scriventi Organizzazioni Sindacali chiedono un incontro urgente per l’avvio di un confronto su alcuni interventi, peraltro già pubblicamente annunciati dallo stesso Ministero e di assoluta necessità, su diverse problematiche riguardanti il personale ATA poste più volte all’attenzione dell’Amministrazione dalle scriventi organizzazioni sindacali.

Su tali problematiche, nell’incontro del 4 di ottobre scorso al Miur, era stato delineato un programma di interventi comprendente fra l’altro la presentazione di un piano straordinario di assunzioni per 7.000 posti ATA e l’istituzione di un organico di 500 assistenti tecnici per consentire il funzionamento dei circa 8.000 laboratori esistenti nella scuola del primo ciclo.

Era parsa inoltre da tutti condivisa la necessità di attivarsi, in occasione del varo della legge di bilancio per il 2017, per il superamento delle norme sul contenimento/blocco delle supplenze e il ripristino dei 2.020 posti tagliati dalla legge di stabilità 2015.

Degli interventi richiamati non vi è traccia nel disegno di legge di bilancio all’esame del Parlamento, nonostante gli impegni assunti in sede di confronto, che avevano suscitato attenzione e attese da parte del personale.

Spiace inoltre constatare che alcuni impegni assunti dal Ministero in precedenti occasioni di confronto, come l’emanazione dell’atto di indirizzo per il pagamento del compenso ai Dsga “reggenti” e l’emanazione del bando di concorso per il profilo di Dsga, che non si effettua dall’ormai lontano 2000, restano tuttora disattesi.

Ribadendo l’urgenza della presente richiesta, si porgono distinti saluti.

 

Flc  CGIL

Domenico Pantaleo

CISL  Scuola

Maddalena Gissi

UIL  Scuola

Giuseppe Turi

SNALS  Confsal

Marco Paolo Nigi