Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Scuola, Snals Confsal: governo dovrebbe ascoltare, rifiuta confronto - Italpress

Scuola, Snals Confsal: governo dovrebbe ascoltare, rifiuta confronto - Italpress

"Il Governo dovrebbe decidere ma anche ascoltare, rifiuta il confronto, e lo fa o perche' ha gia' deciso oppure perche' non ha le competenze per avere un confronto".

"Il Governo dovrebbe decidere ma anche ascoltare, rifiuta il confronto, e lo fa o perche' ha gia' deciso oppure perche' non ha le competenze per avere un confronto". Lo afferma Achille Massenti, segretario generale vicario Snals Confsal, nel corso della conferenza stampa congiunta con gli altri sindacati per spiegare le motivazioni dello sciopero proclamato per il 20 maggio. "L'Obiettivo di questo sciopero e' quello di creare le condizioni per una scuola di qualita'. Il precariato, a livello di supplenti, e' aumentato, inoltre - avverte - per l'anno venturo la mobilita' creera' spostamenti biblici tra nord e sud, non solo limitati a quelli gia' avvenuti, ma si creeranno degli altri. Attualmente la legge 107 ha creato una serie di tensioni inimmaginabili sul piano delle mancate stabilizzazioni, dell'assenza di risorse, dell'affidare ad organi monocratici quella che deve essere una gestione collegiale. Questi sono una serie di problemi che all'interno della scuola stanno creando molte fibrillazioni". "Previsioni non se ne riescono a fare molte, ma l'adesione allo sciopero sara' sicuramente alta". E' quanto afferma Achille Massenti, segretario generale vicario di Snals Confsal, nel corso della conferenza stampa congiunta con gli altri sindacati per spiegare le motivazioni dello sciopero proclamato per il 20 maggio. "Certamente l'adesione risentira' di alcuni fattori, come il concorso, il fatto che siamo verso fine anno, il fatto che alcuni docenti sono in 'prova', e che in molti casi - avverte - esiste una vera e propria debolezza economica dei docenti. Ma questo risultato sicuramente servira' anche a chi non fara' lo sciopero, perche' il disagio derivato dall'impostazione della legge e' destinato ad aumentare".